lunedì 25 giugno 2012

Recensione film: *Una Tomba per le Lucciole






















REGIA: Isao  Takahata;
ANNO/LUOGO: 1988/Giappone;
GENERE: animazione, drammatico;
COLONNA SONORA: Michio Mamiya  
PREMI: 
*Blue Ribbon Award- Premio speciale alla regia    
*Chicago International Children's Film Festival -Premio della Giuria per il miglior film d'animazione  
-Premio per i diritti dei bambini


"Non è giusto, 
perchè le lucciole muoiono così presto?"

voto: * * * * / *

1945 Kobe Giappone, il giovane Seita ci porta con se in un viaggio attraverso i suoi ultimi ricordi: siamo in piena guerra ed in seguito ad un bombardamento insieme alla sua sorellina Setsuko, Seita si ritrova ad dover affontare la vita durante la guerra.. la vita di adulto prima ancora di esserlo diventato..

Una tomba per le lucciole è davvero una "piccola" perla del cinema d'animazione.
Non è un semplice cartone animato ma un film a tutti gli effetti: un film drammatico, forte, tenero, intenso, profondo e duro. Il ritmo è serrato, anche se a tratti lento, e tiene lo spettatore incollato allo schermo ma vi avverto: munitevi di fazzoletti perchè c'è da piangere e non poco! ç_ç 
 C'è molta cura nei dettagli nel film di Takahata: nulla è messo a caso, nulla senza valore. Molte le scene in cui grazie ad un apparente misero dettaglio si capiscono molte cose (un esempio su molti è uno dei pasti dalla zia dove questa, tra un discorso idiota e l'altro, dà più cibo agli altri familiari lasciando ai 2 bimbi solo del brodo) 
Molto belli e studiati i dialoghi che delineano non solo, i caratteri dei personaggi, ma anche il profilo di una società tradizionalista, dura, cinica e moralista che fa da sfondo alla preziosa ingenuità dei due piccoli protagonisti. 
Il punto profondo di questo film non è "solo" la terribile Guerra che fa da sfondo; la vera chiave sono i sentimenti, l'amore di due persone che si vogliono bene, l'apparente ingenuità dell'infanzia che rende anche la vita, compresi i momenti più tragici, un bellissimo gioco, un qualcosa per cui vale la pena esser stati noi anche per un attimo o in questo caso anche per pochi anni. 
Molto belli i disegni, resi ancor più belli da alcune ottime scelte cromatiche, come avviene per esempio quando vediamo il punto di vista in tinte rosse di Seita o i flashback in tinte pastello. 
Tra le scene più belle quella in cui si vede la pioggia di petali, durante il flashback della foto di famiglia, che si trasforma nella cascata di riso che la zia versa nel barattolo, a simboleggiare ciò che quel momento, tanto significativo, è diventato ovvero solo una merce di scambio per sopravvivere. Meraviglioso. 
Bellissima anche la sequenza della prima notte nella grotta con le lucciole così come quella in cui Seita da da bere alla piccola con del ghiaccio caduto da un carretto o quella dei flashback delle giornate della piccola Setsuko mentre aspetta il ritorno del fratello. Davvero straziante. 
Coraggiosa l'ultima sequenza che chiude il film in punta di piedi, come in silenzio, quasi a non voler disturbare ciò che ci è stato raccontato lasciando spazio alla bellissima colonna sonora di Mamiya.
Per me "Una tomba per le lucciole" è un film davvero meraviglioso. Da vedere! 


CONSIGLIATO: Assolutamente si!

5 commenti:

  1. Film stupendo, uno dei Capolavori dello Studio Ghibli.

    RispondiElimina
  2. lo cerco da tempo cazzarola!!! se ce l' hai passamelo subito *u*!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Lo trovi tutto su youtube!!!
    Spero di trovarlo anche in dvd ma per ora nulla :(

    RispondiElimina
  4. visto ieri... In assoluto il film più straziante che abbia mai visto e concordo con te, non é un semplice film d'animazione ma un vero e proprio film. Intenso e struggente, non lascia indifferenti nemmeno a ore di distanza dalla visione. L'unico film che trovo simile sotto alcuni aspetti é "La vita é bella" di Benigni. Questo peró é molto più intenso, a partire dai protagonisti che sono tutti e due bimbi e che insieme non devono solo lottare contro il nemico ma anche contro l'indifferenza del proprio paese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ello
      Pienamente daccordo :)

      Benvenuto sul mio blog!
      Spero di vederti ancora da quaste parti! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...